L’Uniforme  del Fante Estense del 1814 è così composta:

 

 

-Cappello          Sckako di colore nero tipo francese con finiture in    

                           pelle,  fermato con allacciatura

                           sottomento. Placchetta  ottonata  nella parte frontale a forma  

                          di  stemma sormontata da una corona stilizzata, al centro reca

                          la grafia F IV che sta per Francesco IV Duca di Modena.

 

-Giacca              Giacca ad un petto solo in pannetto, di colore  blue con finitu-

                           re bianche, allacciata con bottoni grigi di stagno.                

                           Posteriormente allungata con due tasche laterali fermate da

                           bottoni.

                           Il colletto spunta superiormente dalla giacca,  è di colore nero

                           con      finiture  bianche,  in stoffa,

                           chiuso posteriormente da allacciatura a bottoni.

 

-Pantalone        Pantalone in panno bianco con stringa in cintura nella parte

                           posteriore, anteriormente si chiude con tre bottoni ricoperti di

                           panno bianco. La patta a ribalta è fissata con due bottoni

                           anch’essi rivestiti di panno bianco posizionati lateralmente.

                           Il pantalone è sorretto da un  paio di bretelle.

 

-Ghette               Le ghette partono sotto il ginocchio ed arrivano fino alla

                            scarpa, coprendone una parte, sono in stoffa di colore nero

                            fissate sul pantalone, lateralmente chiuse con una serie di

                            bottoni. Scarpe di colore nero.

                          

 

L’uniforme veniva poi completata da una serie di buffetterie indispensabili alla vita e sopravvivenza del soldato.

 

 

 

1)    Una bisaccia /tascapane in  cotone  contenente qualche alimento secco.

2)    Un briquet di tipo austriaco sostenuto da un budriere in pelle quale ultima difesa all’arma bianca.

3)    Un portamunizioni tipo austriaco  contenenti le polveri.

4)    L’arma in dotazione era un fucile ad avancarica, moschetto inglese mod. “Brown Bess”  con baionetta,  da innestare per gli scontri corpo a corpo.